Prodotto_in_omaggio
Vino Magliocco DOP Terre di Cosenza 75cl

VIMRTCDOP

Nuovo prodotto

Disponibile

Vino Magliocco DOP Terre di Cosenza 75cl

MAGLIOCCO ROSSO DOP Terre di Cosenza

Il Magliocco dolce è l’uva più rappresentativa della provincia di Cosenza e rimanda fortemente, sia da un punto di vista storico che etimologico, alla Grecia. Il nome, infatti, in greco significa “strettissimo nodo”, riferendosi probabilmente alla conformazione del grappolo.Di questa uva, in Calabria, si contano circa 14 sinonimi: i più comuni sono Arvino a Rogliano ed Aprigliano, Guarnaccia nera a Verbicaro e San Marco Argentano, Merigallo a Terrevecchia e Gaddrica a Longobardi.Nell’areale del Pollino è detto Lagrima o Lacrima e addirittura nel disciplinare di produzione della Doc risalente al 1975, il legislatore la confuse con il Gaglioppo, con cui non ha nulla in comune se non qualche assonanza fonetica, generando una confusione produttiva senza eguali.

Il grappolo risulta medio-piccolo, piuttosto allungato e spesso composto da 2 ali. L’acino è di dimensioni medie, con buccia spessa di colore blu-nero. Il Magliocco è un’uva tardiva e si vendemmia tra la prima e la seconda decade di ottobre.

E’ dotato di un elevato corredo polifenolico e i vini che se ne ricavano sono strutturati e longevi.

16,00 € iva incl.

 Risparmia con le nostre Promozioni X3 e X6!:

  • Se acquisti 3 articoli dello stesso prodotto -> -10%
  • Se acquisti 6 articoli dello stesso prodotto -> -25%

MAGLIOCCO ROSSO DOP Terre di Cosenza

Il Magliocco dolce è l’uva più rappresentativa della provincia di Cosenza e rimanda fortemente, sia da un punto di vista storico che etimologico, alla Grecia. Il nome, infatti, in greco significa “strettissimo nodo”, riferendosi probabilmente alla conformazione del grappolo.Di questa uva, in Calabria, si contano circa 14 sinonimi: i più comuni sono Arvino a Rogliano ed Aprigliano, Guarnaccia nera a Verbicaro e San Marco Argentano, Merigallo a Terrevecchia e Gaddrica a Longobardi.Nell’areale del Pollino è detto Lagrima o Lacrima e addirittura nel disciplinare di produzione della Doc risalente al 1975, il legislatore la confuse con il Gaglioppo, con cui non ha nulla in comune se non qualche assonanza fonetica, generando una confusione produttiva senza eguali.

Il grappolo risulta medio-piccolo, piuttosto allungato e spesso composto da 2 ali. L’acino è di dimensioni medie, con buccia spessa di colore blu-nero. Il Magliocco è un’uva tardiva e si vendemmia tra la prima e la seconda decade di ottobre.

E’ dotato di un elevato corredo polifenolico e i vini che se ne ricavano sono strutturati e longevi.